Blog: http://fairy.ilcannocchiale.it

The Resistance - Muse


Erano 3 anni che aspettavo l'uscita del nuovo lavoro dei Muse, preoccupata perchè credevo non potessero fare meglio di quanto non avessero già fatto.. ma c'è una variante che non avevo considerato "il mio amatissimo Matt Bellamy, cantante-chitarrista nonchè leader dei Muse è assolutamente un genio.
E così è arrivato anche l' 11 settembre giorno tanto atteso per la prevista uscita dell'album.
Ovviamente mi sono fiondata acquistando la versione che comprende anche un dvd con il "making of "dell'album.
Il primo brano, nonchè primo singolo già nelle radio da agosto, è Uprising che ho subito amato tantissimo.
Il basso distorto ti arriva come un pugno intervallato da colpi di rullante..
a me ha subito ricordato i primi minuti del brano dei Doctor And The Medics - Spirit In The Sky. Andando avanti un secondo collegamento con la sigla di Doctor Who (poco conosciuto in Italia ma famosissimo in Inghilterra.. mio marito lo adora!). C'è chi ha trovato delle similitudini con il brano The Beautiful People di Marilyn Manson, assonanza che però personalmente non condivido. Ma a parte alcune evidenti influenze io ho trovato unica la loro capacità di ricreare con ingredienti simili qualcosa di nuovo e prorompente.
Altro fattore di altissimo rilievo è la dinamica.. le parti in crescendo danno il tocco di forza a tutto il brano. La voce di Matt qui è più che mai sexy e più consapevole che mai.
Il secondo brano Resistance ha un bellissimo intro di piano elettrico, che si ripete in più parti del  brano stesso.  Energia anche qui a iosa e parti di batteria ben assestate e di gran gusto.
Il terzo brano Undisclosed Desires è il brano che in assoluto si allontana maggiormente dal loro genere e devo ancora scoprire quanto mi piacerà.. sottolineo però che non esiste brano dei Muse che non sia sempre e comunque piacevolissimo da ascoltare.
E così arrivo a presentarvi il quarto brano United States of Eurasia che al primo ascolto mi ha lasciata assolutamente senza parole. Fortissima l'influenza dei Queen.. e una meravigliosa rapsodia di piano ed archi. Il brano termina con una sorpresa.. un frammento del "Notturno" di Chopin.
Il quinto brano Guiding Light devo ammettere mi ricorda un pò lo stile degli U2 ma la chitarra è assolutamente quella di Brian May dei Queen.
Se esiste però un brano che mi ha fatto andare al primo ascolto davvero fuori di testa è il sesto Unnatural Selection, ecco qui è venuto fuori tutto il genio di Matt soprattutto nella parte di chitarra. Il brano dura quasi 7 minuti ma ascoltarlo è davvero un attimo, l'unica cosa che mi lascia un pò perplessa è solo l'intermezzo.. ma forse un maggiore ascolto mi aiuterà ad apprezzarlo di più. Il brano termina con una schitarrata degna della più consumata tradizione hard rock americana.
Il settimo brano è MK Ultra altro bellissimo pezzo pieno di energia e assolutamente in linea con il loro stile che tanto ha fatto innamorare milioni di persone in tutto il mondo.
Anche qui la sezione di archi è assolutamente ben orchestrata e si sposa perfettamente con la sezione elettrica.
L'ottavo brano I Belong to you (+ Mon Coeur S'ouvre a ta Voix). Bellissimo anche questo pezzo, pieno di energia e di melodia. Ascoltandolo si scopre ad un certo punto anche un'inedito
Matt che canta in francese come se fosse la cosa in assoluto più naturale. Dopo l'intermezzo lirico il pezzo riparte con forza fino alla fine.
Il nono il decimo e l'undicesimo brano fanno parte di un'unica opera  sinfonica che i Muse hanno voluto inserire in questo ultimo incredibile lavoro.
Si parte con Exogenesis: Symphony part 1 (Overture) dove un'orchestra intera supporta la voce di Matt che si espande dolce e forte.
Si continua con Exogenesis: Symphony part 2 (Cross - Pollination) dove uno solo di piano e la voce di Matt sono gli assoluti protagonisti della parte iniziale. Poi il brano si apre ed ecco ancora basso e batteria presentissimi, a chiudere un piano dolce.
Questo lavoro sinfonico termina con Exogenesis: Symphony part 3 (Redemption).
Dolce, dolcissimo, un piano, dei violini, un piatto in lontananza e poi ancora la cassa in crescendo fino ad aprirsi e Matt canta... e canta... l'album si chiude dolcemente esattamente all'opposto di come si è aperto.
Ovviamente che ve lo dico a fare???.. correte ad ascoltarlo!!!Io ne sono già innamorata persa!!

Pubblicato il 12/9/2009 alle 11.13 nella rubrica Musica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web